venerdì 25 aprile 2008

FOTORACCONTO DELLA GITA

Buongiorno e ben riletti a tutti! Ieri sera sono tornata dalla gita e stanotte, gioia unica al mondo, ho dormito nel mio letto adorato: nessuno girava per i corridoi nascondendo bottiglie di birra sotto il pigiama, nessuno bussava alle porte di tutte le stanze per puro divertimento, nè le chiudeva lasciandole sbattere violentemente, nessuno ha rubato 100 € dal portafoglio del suo compagno, nessuno si è sentito male ed è dovuto andare al pronto soccorso per un'improvvisa tachicardia, nessuno è rimasto bloccato nell'ascensore, nessuno ha rubato gli asciugamani del bagno per riportarseli a casa come souvenir... insomma, una nottata fantastica!
L'itinerario della gita è stato davvero bello, abbiamo visitato posti splendidi, ho scattato tante foto, ma qui ne metto solo alcune, sennò non mi basta una giornata! Procediamo in ordine cronologico. Primo giorno: partenza alle 5.00 e arrivo a Milano dopo pranzo. Sull'autostrada un tempo malefico sembra avere tutte le intenzioni di rovinarci la festa:

Una volta entrati a Milano, visita libera della città. Una pioggia battente ci coglie in piazza Duomo, ma alcune fans sfegatate attendono fiduciose l'arrivo dei loro eroi, i Finley, sotto le finestre di Total Request Live, lanciando urla disperate in coro ogni circa 35 secondi.

Entro nel duomo bagnata fradicia e mi accoglie un'enormità di colonne, spazi e luci soffuse:

Segue una passeggiata dentro la Galleria Vittorio Emanuele II e poi si va in albergo. Nel frattempo ha smesso un po' di piovere, quindi, prima di salire sul pullman, saluto la Madonnina da lontano.

Dopo cena, prima di tornare in albergo, passiamo a piedi di fronte al Cimitero Monumentale, un vero spettacolo di luci e ombre:

Il giorno dopo, visita al museo della scienza e della tecnica:

Questo è uno dei tentativi di Leonardo di combattere la forza di gravità:

Questo è il sottomarino Enrico Toti:

Aerei da guerra:

Una bella locomotiva a vapore:

Poi siamo andati alla chiesa di S. Ambrogio e qui ho fotografato il Cristo Pantocratore, che mi piace tanto e mi ricorda un altro mosaico del genere visto in Sicilia, a Monreale per la precisione.

La sera, cena da "Lo Zingaro", non proprio un locale specializzato in nouvelle cuisine, però dignitoso. Lì ho fatto amicizia con un pesce vanitosissimo, che ha passato tutta la serata ad aggiustarsi il trucco allo specchio:

Terzo giorno, il più bello in assoluto: visita di Como e traversata del lago fino a Villa Carlotta. Tempo primaverile, temperatura mite, lago magico! Questo è il vialetto che conduce al museo Alessandro Volta:

Uno scorcio di Como e del lago in cui, proprio quella mattina, avevano trovato 200 bombe inesplose risalenti alla seconda guerra mondiale. I sommozzatori erano al lavoro:

Un pensionato comasco si gode tranquillo il suo bel lago:

Nel pomeriggio ci imbarchiamo per la traversata:

E qui inizia la caccia disperata alla villa di George, che alla fine risulterà essere piuttosto anonima rispetto a tante altre, se non fosse per l'enorme parco che la circonda. Queste sono alcune delle case più belle che si affacciano sul lago:



Dopo circa un'ora e quaranta di navigazione, scendiamo e ci dirigiamo verso la Villa Carlotta. Statue assonnate ci accolgono all'ingresso:

E un enorme parco coloratissimo si apre davanti a noi non appena varchiamo la soglia.

Innumerevoli specie di piante, fiori e alberi si stendono lungo la collina sulla cui sommità si erge la villa. Si tratta di un vero e proprio paradiso terrestre:



La sera torniamo a Milano e resto affascinata dalle luci e dal movimento di questa città, che sembra non addormentarsi mai.



Quarto e ultimo giorno: visita alla villa manzoniana a Lecco.

Pranzo davanti al lago insieme ai canarini:


E partenza per il rientro. Unico regalo comprato: il primo disco dei Gotan Project

Trovato in questo negozio a Milano:

Bella esperienza, ma per godermela a pieno, la prossima volta a Milano ci torno da sola col mio amor!
PS: Mas, ne ho visti di suv strani parcheggiati completamente sui marciapiedi, ma ero sul pullmann e non ho fatto in tempo a fotografarli!

5 commenti:

Fed ha detto...

Beh, dai alla fine sei sopravvissuta ^__^ ricordando cosa combinavamo noi in gita temevo il peggio!!!
Ben tornata Raffa (hai portato i miei saluti a George vero?)

Anonimo ha detto...

Peccato volevo vedere la villa di George!
Hei raffaella io avrò anche la reflex ma le tue foto sono davvero fantaastiche,complimenti!
Ilenia

vany ha detto...

bellissimi i giardini e le ville sul lago, per il resto, a Milano non ci andrei proprio... sono contenta chetu sia ritornata, il mio blog era vuotissimo senza di te...

mas ha detto...

Non ti preoccupare se torni nel Milano
,per una gita più rilassata, ne avrai di occasioni purtroppo...

...ben tornata!

Raffaella ha detto...

@fed: George ti saluta e si scusa se ultimamente non si è fatto sentire ma ha avuto una leggera febbriciattola!
@Ilenia: hai ragione, avrei dovuto fotografarla lo stesso, ma era lontanissima!
@vany: ben trovata, cara! Como in effetti è il posto più bello che ho visto, ma anche Milano è una città splendida!
@mas: non sapevo che Milano fosse la patria dei suvvisti, ma credo che anche qui nel sud troverò qualcosa di interessante da immortalare!