venerdì 2 maggio 2008

DIFENDERO' LE MIE VIRTU'!

Certo che le difenderò! Da quelli che non le apprezzano, sostenendo che si tratta del solito minestrone, da quelli che nemmeno le conoscono, pazzi scellerati! Il 1° maggio, nella mia città, "le virtù" sono un must, un dovere di ogni donna che voglia degnamente definirsi tale, una tradizione senza la quale perderemmo la nostra stessa identità! Il nome ha un'origine antica ed è riferito a quelle donne "virtuose" che utilizzavano i residui di legumi o pasta dell'inverno appena trascorso e li univano alle primizie della primavera, creando qualcosa di veramente magico. Perchè proprio il 1° maggio? Boh. Alcuni dicono che questa data sia legata all'usanza di celebrare la dea Maia per propiziare la fertilità della terra.

La ricetta è tanto semplice quanto lunghissima da eseguire. Cimentatevi in questa impresa solo se siete ben forniti di pazienza e di un pentolone gigantesco, che starci a lavorare per una dose da single, veramente non ne vale la pena!

  • 750 gr di legumi secchi (fagioli, ceci, lenticchie, piselli, fave)
  • sale
  • un chilo e mezzo degli stessi legumi freschi
  • spinaci, carote, sedano, bietole, finocchi, indivia, maggiorana, mentuccia, lardo
  • 700 gr di pasta secca e 300 gr di pasta fresca in vari formati
  • prezzemolo, cipolla, chiodi di garofano, pepe, noce moscata, salsa di pomodoro, aglio
  • carne di maiale tritata grossolanamente e, possibilmente, ossa di carne di muso di maiale oppure osso di prosciutto

Lasciare ammorbidire, per almeno una giornata, in acqua fredda, i legumi secchi; cuocerli, poi, separatamente, in acqua poco salata, fino a metà cottura. Pulire tutta la verdura (tranne la cipolla, l'aglio e il prezzemolo), farla cuocere in acqua salata, scolarla e tenerla da parte. In un secondo recipiente, lessare insieme le carni di maiale (che dovranno essere salate e pepate). A cottura ultimata, disossarle, tagliarle a pezzetti e metterle nuovamente nel brodo. unire i legumi secchi cotti a parte e qualche fogliolina di maggiorana e mentuccia. Preparare un battuto di lardo e prezzemolo e farlo rosolare in un tegame con la salsa di pomodoro, la cipolla e l'aglio ben tritati, mescolare il soffritto, aggiungerlo al brodo e unirvi le verdure lessate. A cottura quasi ultimata aggiustare di sale, mettere la pasta (iniziando da quella secca e dai formati più grossi) e i legumi freschi e far terminare la cottura. Questo minestrone, ricchissimo e molto gustoso, può essere consumato sia caldo che freddo.

10 commenti:

vany ha detto...

come sei tradizionalista mia cara...tanto quanto virtuosa...ma la tua vera virtù sta nel fare queste foto fantastiche che profumano dei miei ricordi di piccola bambina...quando c'era il mio nonnino seduto a tavola accanto a me che estraeva il suo peperoncino dal taschino della giacca e lo sbriciolava sul piattone di virtù...ed io lo guardavo incantata e innamorata...nel vedere la tua foto ho sentito l'odore di quella felicità...grazie amica mia dolcissima

Raffaella ha detto...

Mia cara, che bello che queste foto abbiano risvegliato in te un così dolce ricordo! Il merito è fifty-fifty tra me e Carmi(foto sopra = lui, foto sotto = io)! Un bacione, tesoro, e buon arredo della casa nuova!

Anonimo ha detto...

Ciao raffaella non so se è il mio pc ma le foto non si vedono...
Volevo vedere il minestrone anche se (spero di non dire una bestemmia) a me non piace....ma scommetto che il tuo sarà buonissimo per chi sa apprezzarlo!
Ilenia

Rossella ha detto...

La ricetta è tanto semplice quanto lunghissima da eseguire.

verissimo,ma dev'essere come tutti quei piatti "poveri"della tradizione dei nostri paesi, di una bontà unica..che *tocca* il cuore :-))
ciao Rossella :-)
sarebbe interessante parlarne sul forum...ci penso

TIW ha detto...

Premetto che il minestrone non è il mio piatto preferito però dalla foto un'assaggino lo farei:)

Giuseppe M. ha detto...

Ottimo il minestrone!!!!
E bellissimo il tuo blog complimenti.

Raffaella ha detto...

@Ilenia: carissima, non preoccuparti, ogni tanto i pc fanno i capricci, sapessi cosa combina il mio. In foto vedresti solo... un enorme minestrone! Baci.
@Rossella: grazie mille per l'invito! Stasera ci sarò!
@Tiw: è buono, è buono, ha quel tocco in più rispetto al minestrone classico, che non sapresti definire ma te lo rende speciale!
@Giuseppe M.: grazie per il passaggio e per i complimenti!

Lucia ha detto...

Panoramica a 350 gradi. Non hai citato le puzzette del Day After

Fed ha detto...

Oddio, Raffa, non odiarmi! Io non le ho mai sopportate, neanche quando la piccola la mia nonnina teramana cercava di propinarmele ogni santissimo 1 maggio! (e a me il minestrone normalmente piace)
Boh, sarà colpa del trauma infantile? ^__^

Raffaella ha detto...

Fratello, non postare sotto falso nome: e poi, le puzzette sono la parte migliore!
Fed, conosco un sacco di gente a cui questo piatto non piace! Io, però, mi associo alla tua nonnina!